Cultura

VILLA ARGENTINA: La presentazione del libro "La resurrezione necessaria" di Marina Marchesiello

Presentazione del libro intitolato "La resurrezione necessaria"
Martedì, 13 Agosto, 2019

Nell'ambito della rassegna culturale "Di Mercoledì: Scrittori e lettori sulla terrazza di Villa Argentina"

VIAREGGIO Proseguono presso la suggestiva cornice di Villa Argentina, a Viareggio, gli eventi culturali promossi dalla Provincia di Lucca. L'appuntamento letterario questa volta è dedicato a Marina Marchesiello, salernitana di nascita ma sia romana che viareggina d'adozione, la quale presenta la sua prima raccolta di poesie dal titolo "La resurrezione necessaria" pubblicato da Controluna Lepisma edizioni di Roma.
Le liriche dell'autrice risentono fortemente di un'atmosfera tutta incentrata sul tema del ricordo, soprattutto quello legato ai delicati intrecci affettivi, amorosi e familiari che spesso consolano da quella comune condizione esistenziale di fragilità dei legami umani.

Come ben espresso nella prefazione a cura di Giuseppe Cerbino: "La grandezza della vita è generare senso da ciò che è destinato a non averne più". La maternità, tema molto ricorrente in questo testo, si attua dunque anche in una generosità della memoria che non tralascia nulla, neanche i più sfuggenti dettagli di cose e presenze fugaci.

L'incontro si svolgerà mercoledì 14 agostoalle ore 17.30 presso Villa Argentina, alla presenza dell'autrice Marina Marchesiello e dei seguenti relatori: la professoressa  Alberta Stefanini Cristiano Alberti, titolare della libreria Baroni di Lucca.

Marina Marchesiello è nata a Salerno, città dove ha vissuto fino al conseguimento della Laurea in Lettere Moderne. Amante della scrittura creativa e delle arti in generale, è stata conduttrice radiofonica di un programma dedicato ai cantautori. Durante i primi anni universitari ha lavorato come giornalista televisiva presso alcune emittenti locali e, successivamente al trasferimento a Roma, ha partecipato come attrice a produzioni cinematografiche indipendenti e al laboratorio di cineteatro, prediligendo l'espressione poetica a tutto tondo. Copywriter di professione, è sposata ed è madre di due bambini."La resurrezione necessaria" è la sua prima silloge.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Per informazioni : Tel. 0584 1647600

Villa Argentina,Via Fratti angolo Via Vespucci, Viareggio

e.mail: musei@provincia.lucca.it 

A Villa Argentina il racconto in versi di Giuseppe Cordoni "Una città segnata da quattro roghi"

Fotografia di Villa Argentina
Martedì, 18 Dicembre, 2018

Continuano gli appuntamenti culturali a Villa Argentina, a Viareggio, nell’ambito della rassegna culturale “Di Mercoledì: Scrittori e lettori sulla terrazza di Villa Argentina” promossa dalla Provincia di Lucca.
Domani, mercoledì 19 dicembre, alle 17,30, verrà presentato il libro “Una città segnata da quattro roghi” di Giuseppe Cordoni impreziosito dai disegni originali del pittore Brunello Baldi. Oltre all'autore, interverranno Domenico Lombardi, poeta e pediatra, Moreno Bucci, storico, Marcello Brunini, teologo. Voci recitanti: Sabrina Portorelli e Paolo Bresciani.
Massimo dalle Luche spiega che “L'immagine della città che emerge dalle pagine di questo racconto in versi (che fa parte della collana Le Mimose, Bandecchi & Vivaldi - ndr) costituisce uno degli snodi privilegiati della grande civiltà letteraria e non solo che attraversa la fine dell'800 per approdare al primo '900 - la Viareggio di Shelley e Byron e poi di Pea, Viani, Puccini, ma anche di Rilke e Pound - e nel contempo, per contrasto, l'emblema della vendetta divina nei confronti della tracotanza del progresso tecnologico - incarnato nella figura di Prometeo - frutto, non sempre moralmente ineccepibile, della ragione umana.
Ma, in realtà, nel pensiero del poeta, causa scatenante dei tragici eventi raccontati nelle ultime tre sezioni della raccolta, non è affatto il capriccio incomprensibile di un dio sconosciuto, bensì il risultato tragicamente irresponsabile dell'agire umano. E, infatti, è proprio nelle richiamate sezioni dell'opera che più forte si percepisce lo sdegno dell'autore, sorretto da un'intensa passione civile, per i mali del nostro tempo”. 
Giuseppe Cordoni è nato a Viareggio e ha studiato a Pisa e a Grenoble. Laureato in Lingue Letterature straniere e in Lettere Moderne, poeta e critico d'arte, ha insegnato in Licei sperimentali dove, in particolare, ha condotto ricerche sul linguaggio e la didattica della poesia. Come critico d'arte si è interessato della realtà creativa di Pietrasanta quale crocevia internazionale della scultura contemporanea, curando numerose rassegne di scultura e pittura sia in Italia che all'estero. Ha pubblicato raccolte di poesie.

Per informazioni : Tel. 0584-1647600
Villa Argentina,Via Fratti angolo Via Vespucci, Viareggio 
e.mail: musei@provincia.lucca.it 
 

“Fuori di me” di Antonio Bini e “La quiete e la tempesta” di Simone Raffaelli

“Fuori di me” di Antonio Bini  e “La quiete e la tempesta” di Simone Raffaelli

Sono entrambi editi da “Giovane Holden Edizioni” le pubblicazioni che saranno presentate domani – 6 dicembre - a Villa Argentina (Viareggio), alle 17,30,  nell'ambito della rassegna “Di mercoledì” promossa dalla Provincia di Lucca. Si tratta di “Fuori di me” di Antonio Bini e “La quiete e la tempesta” di Simone Raffaelli.
L'incontro con gli autori sarà introdotto e moderato da Francesco Grassi Niccolai, editor e promoter culturale.

Italiano

La conferenza “Tempi Moderni: La condizione umana tra alienazione e desiderio. L'ambiguità della macchina e l'elogio dell'inconscio”

Vano scale

Il rapporto tra l’uomo e la macchina è un dei temi più attuali della nostra società tecnologica. Molti sono  i riflessi sulla vita sociale e lavorativa, numerosi i fenomeni di alienazione, gli effetti sull’inconscio individuale e collettivo, causati dall’uso costante delle tecnologie. 

Italiano

Presentazione del libro le vite parallele di Antonio Fusco Schede primarie Visualizza(scheda attiva) Modifica

Le vite parallele

Mentre sulla cittadina toscana di Valdenza si addensa una coltre di nubi cariche di neve, il commissario Casabona ha un unico pensiero: tornare quanto prima in ospedale a fianco della moglie Francesca, le cui condizioni di salute lo hanno spinto a chiedere un incarico meno impegnativo. Ma la sua determinazione sta per essere spazzata via da un caso che ha sconvolto tutti: una bambina di tre anni letteralmente svanita nel nulla; una madre in lacrime che, entrando nella sua cameretta, trova il letto vuoto.

Italiano

Mercoledi' 11 Ottobre la presentazione dei libri "In Utile" e "Un Calice di Rosso"

locandina

Ilaria Cipriani è nata a Pietrasanta e vive a Valdicastello Carducci. Laureata in lettere, insegna alla scuola media "Barsanti" di Pietrasanta. Ha collaborato alla stesura di vari testi critici su cultura ed arte. Nel 2011 ha pubblicato il suo primo romanzo, Con la testa sotto il cuscino e vince il Premio Letterario Nazionale S. Anna - Gennj Marsili. Nel 2012 ha vinto il Premio Letterario Versilia chiama Versilia e pubblicato la silloge 'In fine' a cui segue, nel 2014, la silloge 'In oltre'. Dal 2016 è presidente del Premio nazionale di Poesia Carducci.

Italiano

Ricordi di una guerra tanto grande quanto assurda La guerra, le amicizie e gli amori di un italiano in Grecia e Albania durante la seconda guerra mondiale

Valenzi
Vi aspettiamo a Villa Argentina per la rassegna "Di mercoledì" il giorno 30 agosto alle ore 18.00 con
 
Il nonno racconta ai nipoti: ricordi di una guerra tanto grande quanto assurda
 
Italiano